Calcolatrice delle spese di trasporto

 Obiettivo - Problematica
Le spese di spedizione sono indissociabili dalla vendita su Internet.

Il calcolo automatico delle spese di spedizione costituisce una problematica complessa.

Dove si trova il venditore?, dove si trova l'acquirente?, qual è il peso e il volume degli oggetti da spedire?, pratichi il porto franco? Qual è la rapidità di consegna desiderata e quindi quale servizio sarà utilizzato per spedire l’ordine? La dimensione o il peso oltrepassano i limiti accettati da alcuni trasportatori ? (non puoi spedire una lavatrice via Chronopost anche se il tuo cliente è pronto a pagare una fortuna per farlo!). A Oxatis partiamo dal principio che non stai per costruire un sito concorrente di Feltrinelli.it e che il tuo mestiere resta ragionevolmente semplice. Come scoprirai, il sistema di calcolo di spedizione che ti proponiamo è flessibile, ma resta molto facile d’uso! Non dimenticare che i tuoi clienti devono più o meno capire cosa fatturi loro come spedizione ed è il motivo per cui i sistemi troppo sofisticati non sono sempre auspicabili.
 
 Ordine di raccolta delle informazioni
Noterai probabilmente che nello svolgimento della procedura relativa al carrello acquisti, il prezzo del trasporto non viene visualizzato prima dell’inserimento da parte del cliente del suo indirizzo.

Perché non dargli il prezzo finale prima?

La ragione risiede nel fatto che è necessario conoscere la destinazione esatta per poter calcolare il costo esatto del trasporto in funzione del volume e del peso dell’ordine.

Naturalmente è impossibile calcolarlo senza conoscere l'indirizzo del cliente!
 
 Cos’è un’opzione di spedizione?
Per soddisfare la tua clientela è probabilmente necessario offrirle la scelta di diversi livelli di servizio per il trasporto. Utilizzare un servizio di alta qualità come Chronopost in maniera sistematica è forse semplice da gestire, ma penalizza i clienti ben organizzati che effettuano i loro ordini con un certo anticipo! Quindi, è logico proporre diverse opzioni di spedizione a delle tariffe più o meno onerose secondo la rapidità del servizio offerto (abbiamo qualche cliente Oxatis che autorizza i propri clienti a passare nel loro negozio per ritirare l’ordine e che aggiunge, quindi, un’opzione di trasporto "ritiro al deposito" fatturato zero € e in modalità contrassegno!)

Ogni opzione di trasporto potrà essere tariffata in funzione del livello di prestazione e in generale del termine di consegna offerto.

Ogni opzione di trasporto ha un nome breve che sarà ricordato al cliente nella sua conferma d’ordine e una descrizione precisa che ti consente di descrivere completamente il servizio al momento in cui il cliente sceglierà.

Ogni opzione di trasporto può anche essere in modalità contrassegno. In tal caso, il "processore di pagamento" è il trasportatore, poiché è incaricato di riscuotere la somma richiesta.

Nota importante: nel menu Carrello Acquisti | Pagamento esiste un’opzione"Contrassegno". Se l'attivi vuol dire che accetti il contrassegno qualunque sia il servizio di spedizione scelto dall'utente. È una semplificazione e la sua utilizzazione è molto rara. È più logico disattivare questa possibilità e creare delle opzioni di trasporto che includono la modalità di contrassegno. In tal caso, fatturerai spesso più caro il trasporto poiché il trasportatore ti fatturerà a sua volta il suo lavoro di riscossione. Analizza con cura i tuoi bisogni prima di decidere la migliore strategia per il tuo sito. Non dimenticare che il contrassegno è una buona maniera, per i clienti ancora poco a loro agio all'idea di inserire la loro carta di credito su Internet, di acquistare comunque sul tuo sito.

Puoi creare tante quante opzioni di spedizione desideri. Resta semplice, in ogni caso, affinché i tuoi clienti non si perdano nella scelta!
 
 Fai variare i costi in funzione degli articoli.
Se il costo del trasporto è molto variabile in funzione della natura degli articoli che vendi, utilizza il concetto di sovraccarico di movimentazione.

Il prezzo calcolato per il "trasporto" include infatti il trasporto e la movimentazione.

Puoi attribuire un prezzo di movimentazione per ogni articolo, con un prezzo per il primo articolo di una referenza e un prezzo per i successivi.
 
 Esempio.
Supponiamo che tu definisca due tariffe di spese di spedizione: 15€ servizio rapido, 10€ servizio normale.

Definisci anche:
- Sovraccarico di movimentazione Articolo 1: 3€ per il primo, 2€ per i successivi
- Sovraccarico di movimentazione Articolo 2: 5€ per il primo, 4€ per i successivi

Il cliente ordina 4 articoli 1 e 5 articoli 2. Il prezzo della spedizione e della movimentazione si eleva a: 15 + 1x3 + 3x2 + 1x5 + 4x4 = 45€ con un servizio rapido. 10 + 1x3 + 3x2 + 1x5 + 4x4 = 40€ con un servizio normale.

Questo metodo apporta molta flessibilità, ma implica che tu definisca correttamente i valori delle spese di movimentazione negli articoli.
 
 La calcolatrice di spedizione
Tutte le funzionalità precedentemente descritte sono molto semplici da mettere in opera.

Tuttavia esistono dei casi in cui è necessaria una maggiore complessità. Tariffe variabili secondo i paesi di destinazione, secondo il peso o il volume, oppure in funzione del numero di articoli dell’ordine, o ancora in funzione del prezzo totale dell’ordine. Tariffe a scaglioni, porto franco a partire da un certo importo o di un certo numero di prodotti, ecc….

In queste situazioni, è necessario utilizzare delle formule più complesse.

Sono disponibili sette formule di calcolo che, in generale, permettono di regolare tutti i casi:
  • Importo fisso: Vi è il caso più semplice descritto precedentemente. Il suo utilizzo nel quadro della calcolatrice di spedizione ha senso solo se è associato alla gestione del paese di destinazione di seguito descritta.
  • Importo proporzionale a numero di prodotti dell’ordine Con scelta di tale formula, basta indicare l’importo in euro da aggiungere al prezzo dell’ordine per ogni unità ordinata.
  • Importo proporzionale al prezzo dell’ordine: Basta indicare la percentuale da aggiungere al prezzo totale dell’ordine
  • Importo proporzionale al peso-volume dell’ordine : In questo caso definisci l’importo tasse escluse in € da aggiungere per ogni kg ordinato. Il calcolo è proporzionale, quindi, se vengono ordinati 3,5 Kg, l’importo di spedizione fatturato sarà 3,5 volte quest’importo.
  • Importo a scaglioni sul numero di prodotti dell’ordine : Con le formule a scaglioni, è necessario inserire le definizioni delle diverse fasce di fatturazione in funzione del numero di unità (di prodotti) nell’ordine. Determinerai che, se il numero di prodotti nell’ordine è compreso fra X1 e Y1, l’importo del trasporto sarà Z1 e così via.

    IMPORTANTE: non dimenticare di definire un ultimo scaglione con un numero molto elevato (1.000 unità, per esempio) se vuoi assicurarti che la spedizione verrà fatturata qualunque sia il numero dei prodotti nell’ordine. In effetti se definisci solo due scaglioni, per esempio,da 0 a 10 e da 11 a 20 e un cliente ordina 25 prodotti, il Calcolatore di spedizione ne deduirà che non c’è nulla da fatturare. È questa d'altra parte la tecnica che adotterai se desideri, per esempio, che ogni ordine di più di 20 prodotti sia porto franco.
  • Importo per scaglioni sul prezzo dell’ordine: Puoi anche lavorare in funzione del prezzo totale dell’ordine. Determinerai che, se l’importo dell’ordine è compreso fra X1 e Y1,l’importo del trasporto sarà Z1 e così via.

    Nota: la stessa osservazione della precedente si applica per il Porto Franco. Definisci una fascia con un importo molto elevato e attribuisci un valore pari a zero al costo del trasporto per questo scaglione.
  • Importo per scaglioni sul peso-volume dell’ordine: Infine puoi inserire le definizioni delle diverse fasce di fatturazione in funzione del peso totale dell’ordine. Non dimenticare che i volumi vengono convertiti in equivalente peso secondo il rapporto che hai fornito. Determinerai che se il peso dell’ordine è compreso fra X1 e Y1, l’importo del trasporto sarà Z1 e così via.
  • Quando utilizzi la fatturazione per peso-volume, è importante capire il concetto d'equivalenza Peso-Volume. I trasportatori ti fatturano sempre l'opzione più sfavorevole. Se arrivi con una piccola cassa molto pesante, ti fattureranno a peso. Se presenti loro un enorme sacco di piume, ti fattureranno secondo il volume. Per semplificare, decidono che un cm3 (volume) non deve pesare meno di X grammi oppure al posto di fatturarti il peso reale, ti fattureranno l'equivalente peso per il volume relativo. Puoi, quindi, definire l'equivalente Peso-Volume, cioé il pseudo peso in grammi di un cm3 di volume (il che corrisponde a indicare lo pseudo peso in tonnellate di un M3 di volume). Il Calcolatore di spedizione si baserà sul peso di ogni articolo da consegnare, calcolerà anche il volume, confronterà il volume trasformato in peso grazie all'equivalente peso-volume che hai definito e conserverà il valore più sfavorevole per determinare l’importo da fatturare per ogni articolo.
Importante: Sii omogeneo nelle formule di calcolo. Se decidi di proporre diverse opzioni di spedizione (lenta, rapida, contrassegno…) è generalmente preferibile che si basino tutte sullo stesso tipo di formula. Altrimenti, il risultato dei calcoli delle tariffe può diventare poco omogeneo e difficile da provare sul tuo sito. Puoi ritrovarti in una situazione in cui la tariffa lenta diventa più cara della rapida perché le basi di calcolo non hanno nulla in comune! Come al solito, ti raccomandiamo la semplicità.
 
 La gestione dei paesi di destinazione
La calcolatrice di spedizione consente anche di calcolare una tariffazione di trasporto in funzione della destinazione.

Puoi, per esempio, definire un’opzione di spedizione per l’Italia e un’opzione di spedizione per la Comunità Europea e decidere di non spedire in altri paesi.

Per ogni opzione di spedizione puoi decidere se si applica a tutti i paesi o a una lista precisa di paesi.

È frequente la definizione di 3 tariffe : una per l’Italia, una per una selezione di paesi dell'Europa continentale e una per l'America del Nord. In tal caso, se un visitatore residente in Africa o in Asia vuole effettuare un ordine, il sistema di spedizione gli indicherà che il tuo sito non può accettare direttamente il suo ordine. Se il visitatore dichiarare un indirizzo negli USA, gli verrà proposta soltanto l'opzione di spedizione valida per un invio verso gli USA.

Naturalmente puoi definire diverse opzioni di spedizione per ogni gruppo di paese, per esempio due opzioni (una lenta meno cara, una rapida più cara per l’Italia) e una sola “via aerea” per gli USA. Non c’è limite al numero d'opzioni che puoi creare.

Importante: Prova il tuo sistema di spedizione. Renditi sul tuo sito, effettua un ordine, dai un indirizzo in un paese, poi in un altro e verifica le opzioni che ti sono proposte.
 
 Qualche esempio concreto
  • Vendi dei prodotti di piccola dimensione, i tuoi ordini sono sempre di un volume e di un peso più o meno omogeneo. Resta semplice. Non sottoscrivere l'opzione calcolatore di spedizione e fattura un prezzo fisso per la spedizione. Se temi che un ordine sia troppo elevato (troppi prodotti), attribuisci un valore di movimentazione a tutti i tuoi prodotti. In questa maniera più il numero d'articoli inclusi nell’ordine sarà elevato, più il costo di fatturazione della spedizione sarà elevato.

    Forfettizzare il prezzo del trasporto è spesso una buona idea! Se, per esempio, vendi del miele sul Web, conosci la tua vendita media, per esempio 3 barattoli di 500 grammi. Forfettizzare il prezzo del trasporto. Proporre un trasporto classico per un importo X e un trasporto rapido per un importo Y. Ci perderai un po’ se un cliente ti comanda 5 barattoli e ci guadagnerai un po’ quando il cliente ti ordina 1 barattolo. Alla fine sarai probabilmente in equilibrio e avrai guadagnato vendendo del miele e non facendo un’ipotetico margine sul mestiere di trasportatore.
  • Desideri che per ogni ordine di meno di 5 articoli il costo della spedizione sia di 10 €, che per ogni ordine di meno di 10 articoli il costo della spedizione sia di 15€, che per ogni ordine superiore a 10 articoli il costo sia di 20€ e vuoi vendere nella Svizzera Italiana perché i tuoi prodotti sono in Italiano, ma i costi di spedizione saranno superiori di 3€ rispetto ai prezzi praticati per l’Italia.
    • Prepara una prima opzione di spedizione e conservala per un paese, l’Italia. Scegli come formula di calcolo "Importo per scaglioni sul numero di prodotti dell’ordine". Definisci un primo scaglione fino a 5 prodotti per 10€, un secondo fino a 10 prodotti per 15€, un terzo fino a 100.000 prodotti (è il tuo modo di dire più di 10 prodotti e senza limite) per 20€.
    • Duplica quest’opzione di spedizione e cambia il paese di destinazione (Svizzera). Poi cambia gli importi degli scaglioni in 13€, 18€ e 23€.
  • Desideri riprendere il caso precedente, ma migliorarlo aggiungendovi il Porto Franco per tutti gli ordini superiori a 10 articoli.
    • Cambia semplicemente il valore dello scaglione "100.000" e attribuisci il valore 0. Se il cliente ordina 15 prodotti, il calcolatore di spedizione ne dedurrà he non bisogna fatturare nulla.
Attenzione: ricordatevi che i costi di movimentazione, se sono definiti, sono sempre aggiunti al prezzo della spedizione. Se definisci un Porto Franco come sopra descritto, ma uno dei prodotti ordinati implica delle spese di movimentazione particolare, saranno fatturate.
 

Aggiungi ai preferiti: http://www.oxatis.com/Help/HelpCenterContent.asp?ActionID=512&TID=1233&MID=9000%7C55387&LangID=4
© 2001-2019 Oxatis. Tutti i diritti riservati.